venerdì 22 aprile 2016

Call me trendy #1: la mia esperienza BIO


Ragazze oggi sono felicissima perché insieme a Lisa (The makeup world of a little fairy) e Chiara (The world of Claire) inauguriamo una nuova rubrica intitolata CALL ME TRENDY, che consisterà nel trovare ogni mese una nuova moda/tendenza (non per forza beauty), provarla ed "abbracciarla" con i suoi pro e contro, ne parleremo e nei nostri post diremo ciò che pensiamo a riguardo... Essendo in 3, avrete appunto 3 opinioni soggettive e differenti :)




Oggi parleremo della tendenza BIO


Io personalmente mi sono avvicinata ai prodotti biologici circa 2-3 anni fa, col boom di recensioni di blogger e youtuber, era praticamente impossibile non rimanere affascinati da questo fenomeno... seguivo ad esempio Carlitadolce in maniera assidua, la ascoltavo incuriosita e mi piacevano un sacco i suoi video di ricette cosmetiche fai da te (molte di queste le ho anche riprodotte!) ma ho sempre odiato il fatto che demonizasse tutto ciò che non è ecobio, perché siccome c'è in generale una certa ignoranza a riguardo (oggi un po' meno), si creano degli allarmismi assurdi.
Mi sono documentata, ho fatto ricerche e sto studiando molti argomenti a riguardo, ma c'è ancora tanto da sapere! 
Tuttavia non mi sento completamente immersa in questo mondo, ho sicuramente cambiato le mie abitudini e nel corso di questi anni ho acquistato, provato e recensito tantissimi prodotti, infatti in questo periodo forse ho in casa più prodotti ecobio che "da supermercato"; e non parlo solo di cosmetici ma anche prodotti alimentari, sani e biologici (però in questo post preferisco rimanere nel contesto beauty).

Eccone alcuni che sto usando o che userò a breve (altri invece finiranno in un giveaway, quindi vi invito a dare un'occhiata al blog nei prossimi giorni ^_^ ). Le recensioni arriveranno a breve insieme a ricettine homemade!








Come vedete sono un bel po'... ma altrettanti ne ho di non ecobio!!!
Quindi è anche vero che non ho abbandonato del tutto il mondo dei siliconi&co perché ad esempio ho da parte tanti di quei prodotti di makeup che sto continuando a usare e smaltire, perché di buttarli non se ne parla proprio... Fino a qualche tempo fa avevo proprio la mania dello shopping compulsivo! Oggi cerco di fare shopping "responsabilmente".
Per me che sto diventando estetista poi sarà fondamentale un cambio di rotta, perché voglio distinguermi dalle altre semplicemente non usando i soliti prodotti, ma cosmetici naturali il più possibile, burri, oli, sali, oli essenziali che, se usati nel tempo, danno i loro frutti! Il cambiamento della pelle è chiaramente visibile!
Forse solo sui prodotti makeup non sono ancora convintissima perché è vero che ci sono molti brand nuovi ed emergenti, e che migliorano sempre di più le formulazioni... ma è anche vero che ad esempio un fondotinta "siliconico" garantisce una tenuta ed una coprenza senza dubbio maggiore rispetto ad un fondotinta naturale... questo concedetemelo! Ad una sposa oggi come oggi non potrei consigliare un trucco "bio", si rivolgerebbe a qualcun altro, a meno che non è fissata un po' come me col naturale :D 

Sono del parere comunque che ecobio NON equivale a buono, efficiente ed efficace, anzi! Molte volte ho ascoltato i consigli di blogger che osannavano alcuni prodotti ed io poi li ho recensiti negativamente... vedi il caso del balsamo capelli di Biofficina Toscana, che sarà anche buono, ma non fa miracoli!!! Ok che si parla di soggettività, ma è anche vero che se acquisti un prodotto ecobio non è assicurato che sarà il prodotto della vita. 
Oppure ancora, ho un balsamo labbra della Jason all'aloe vera che ho dovuto cestinare perché dopo 2 giorni dall'apertura già puzzava tremendamente e per me era una tortura applicarlo sulle labbra... probabilmente era andato a male o l'odore suo era proprio quello... ma terribile sul serio!



Con i deodoranti poi non ne parliamo, ricordo quello della Lavera al cocco e vaniglia che era terribile!
Ottimo per me invece è questo burro di cacao Akamuti, col quale ho fatto i burri corpo cioccomenta qualche mese fa; me ne sono completamente innamorata e questo sì che è un prodotto per cui vale la pena spendere 10 euro!!! Idratante, nutriente, profumato, cioccolatoso *_* da usare nelle ricette fai da te ma anche come burro per tutto il corpo!



E' stato amore ad esempio anche con l'olio di argan dell'Erbolario, il gel d'aloe vera di Erbavita col quale ho fatto i cubetti tonificanti! Con gli esempi potrei andare avanti fino a domani!!!

Ecco vorrei trovare il giusto compromesso... che credo arriverà col tempo, con le giuste conoscenze e competenze, come per tutte le cose! Perché sennò si cade nella contraddizione, e a proposito di Carlitadolce ce ne sarebbero da dire... ma non voglio far polemica perché nel mio blog la polemica non è la benvenuta!

Se posso darvi un consiglio, leggete sì gli ingredienti di ciò che acquistate, le certificazioni e tutto il resto, ma soprattutto informatevi! Non c'è niente di peggio della disinformazione... ed occhio alle bufale, che sono sempre dietro l'angolo. 
Ponetevi la domanda quando vi trovate difronte ad un prodotto ecobio economico, tipo un olio di mandorle dolci che costa 2 euro... "va bene sarà pure ecobio, ma la qualità"??? Scarsa sicuramente! Purtroppo uno dei più grandi contro è proprio il prezzo dei prodotti, per alcuni troppo alto, ma è anche vero che la qualità si paga! 
E allora purtroppo c'è da dire che non tutti possono permetterselo... oggi però sul mercato esiste una vastissima scelta, reperibilità ed anche i prezzi variano molto! 

Voi come la pensate? ^_^ mi raccomando andate a dare un'occhiata anche al post di Lisa e di Chiara!!!

7 commenti:

  1. Bella questa nuova rubrica :) Guarda sono d'accordo con te, non necessariamente tutto ciò che è bio è buono, anche se da quando ho iniziato a usare prodotti bio ho notato miglioramenti nella mia pelle. In linea di massima io sto più a guardare ciò che "piace" alla mia pelle, se vedo che un prodotto mi fa bene lo uso anche se non è bio :)

    RispondiElimina
  2. Ciao! Bella rubrica..io, come Chiara, non mi fossilizzerò solo con prodotti dall'inci buono..un pò perchè alcuni costicchiano ma anche perchè mi trovo bene con prodotti non bio. Per ora, sto testandone diversi (con inci buono) e mi sto trovando bene, tranne col deodorante!!! Non son bravissima a leggere l'inci e ancora è un mondo nuovo però son molto curiosa e nel web,per ora, mi fido di poche! Guardo molto come si comporta un prodotto e valuto se fa per me o meno. Spero però di imparare di più e di trovarmi bene anche con molti prodotti bio e naturali. Un bacione ^_*

    RispondiElimina
  3. Ciao cara Maria.... Brava hai detto tutto ciò che penso io!!!!Bellissimo post!!!!!
    Un bacione
    Debora

    RispondiElimina
  4. bella questa nuova rubrica molto interessante;)

    RispondiElimina
  5. Mi sono unita ai tuoi lettori, se ti va passa da me!
    http://recensionismart.blogspot.it/

    RispondiElimina
  6. Sono attenta alle etichette dei cibi per problemi di intolleranze alimentari, invece per quanto riguarda i comsetici &co ammetto di non fare minimamente caso agli ingredienti, non tanto per disinteresse quanto per pigrizia e scarsa conoscenza.
    Sicuramente ci sono tante cose che fanno male, ma come in tutte le cose è necessario anche un equilibrio e non esagerare né da un lato né dall'altro

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...