Visualizzazione post con etichetta Cura dei capelli. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Cura dei capelli. Mostra tutti i post

venerdì 16 agosto 2013

DIY: Spray per capelli da portare in spiaggia



In questi giorni che mi sto godendo finalmente il mare, volevo portare in spiaggia con me un prodotto per capelli utile e comodo, quando in giro per la rete ho trovato una semplicissima ricetta fai da te, che ho subito provato ed il risultato mi è piaciuto così tanto che voglio condividerla anche con voi.

lunedì 22 ottobre 2012

Laviamo i capelli con il Co wash

 


È una tecnica di lavaggio dei capelli, senza l’utilizzo di uno shampoo, molto utilizzata dalle donne americane, e che come tutte le mode ha fatto il giro del mondo! L’ingrediente principale è il balsamo (da qui il nome: conditioner only washing), che non deve essere troppo denso, e deve avere un inci magari non completamente verde (tanto meglio se ce l’avete naturale) ma quantomeno accettabile (senza siliconi), ma soprattutto deve essere economico visto che ne servirà un bel po’. 

Oltre al balsamo (la cui quantità varia a seconda della lunghezza dei vostri capelli, chiaramente più li avete lunghi più ne servirà, regolatevi un po’ voi), come potete vedere in foto, serve 1 cucchiaio di zucchero di canna ed 1 cucchiaio di zucchero normale.

Preparate questo composto al momento perché se lo zucchero si scioglie l’azione del co wash sarà nulla.

Prima di applicarlo assicuratevi di aver pettinato bene i vostri capelli ed inumiditeli con acqua (aiutatevi magari con uno spruzzino oppure se siete sotto la doccia ancora meglio, ma ricordatevi che devono essere umidi e non bagnati, gocciolanti). Aiutandovi poi con un pennello (di quelli che si usano per fare la tinta), o se non l’avete chiaramente con le mani, cominciate ad applicare il composto partendo dalle radici fino alle punte, distribuitelo per bene e massaggiate delicatamente finchè non sentite lo zucchero sciogliersi. 

Lasciatelo in posa per qualche minuto e poi risciacquate abbondantemente il tutto, soprattutto la cute perché trattandosi di balsamo sapete meglio di me quanto i capelli poi possano risultare appesantiti e sporcarsi quindi alla velocità della luce. Se potete, effettuate l’ultimo risciacquo con acqua fredda e  2 cucchiai d’aceto per avere i capelli ancora più luminosi.

Poi non dovete fare altro che tamponare i vostri capelli, ripettinarli, e procedere con la normale asciugatura.

Perché zucchero e balsamo? Lo zucchero funge da scrub sgrassante, il balsamo invece svolge la sua normale azione disciplinante; uniti funzionano come un normale shampoo ma sono meno aggressivi e non c’è il rischio che la cute si irriti visto che non contengono tensioattivi.

Risultato?Capelli puliti, lucenti, districati e morbidissimi!

In teoria sembrerebbe adatto a tutti i tipi di capelli, ma in pratica io lo consiglierei a chi li ha ricci e crespi e a chi ha la necessità di lavarli spesso; non è un trattamento che può essere fatto con continuità, ma bisogna quantomeno alternarlo con un lavaggio “normale”, soprattutto a chi usa tanti prodotti per lo styling (lacca, gel , spray, ecc.), poiché questi possono essere rimossi efficacemente soltanto con uno shampoo.

Devo essere sincera, l’ho provato soprattutto quest’estate perché dovendo lavare i capelli praticamente tutti i giorni preferivo alternare appunto lo shampoo tradizionale al co wash, anche per non stressarli più del dovuto visto che già dovevano fare i conti col sole, la salsedine e tutto il resto…
Ero un po’ (un po’????????!!!) scettica all’inizio, ma ne parlavano tutti così bene che non potevo non cedere alla tentazione di provarlo! 
Per assurdo i miei capelli risultano essere anche più voluminosi… infatti 2-3 volte al mese continuo a “co washarli” :D ma dopo 2 giorni devo assolutamente rilavarli… per questo non credo sia adatto a chi ha i capelli particolarmente grassi.

Voi l’avete provato? Come vi siete trovate?  :)

 



martedì 17 aprile 2012

Come avere capelli voluminosi? Consigli + impacco

Image and video hosting by TinyPic

La prima cosa da fare dovrebbe essere rinunciare ai capelli lunghi ed optare per un taglio corto, perché il peso dei capelli influisce molto sul loro volume, ma siccome questo rimedio non mi piace affatto (e molte di voi mi daranno ragione), ecco qualche altro rimedio:
  • Acquistate una linea di prodotti volumizzanti (shampoo, balsamo) per capelli sottili e piatti (io però non ne ho ancora trovata una buona… voi fatemi sapere!)
  • Per ottenere un effetto ancora più volumizzante applicate una schiuma o lozione apposita sulle radici
  • Asciugate i capelli a testa in giù col phon e con il diffusore se li volete lasciare mossi/ricci oppure asciugateli normalmente con una spazzola rotonda facendo sempre dei movimenti verso l’alto per sollevare le radici se li volete lisci
  • Se volete un volume esagerato l’unica soluzione è cotonare i capelli (non lo consiglio però a chi ha i capelli sottilissimi come i miei, perché si spezzano e si indeboliscono)
  • Dopo la piega fissate il tutto con una lacca
  • C’è chi dice di andare a dormire con i capelli umidi, ma io ve lo sconsiglio assolutamente… raffreddore e dolori cervicali assicurati!

Rimedio naturale: Impacco al latte in polvere
Ci servono 2 cucchiai di latte in polvere per neonati, 2 cucchiai di yogurt intero bianco, 1 cucchiaino di miele.
Basta mescolare bene questi 3 ingredienti per ottenere un composto cremoso da applicare sui capelli asciutti; lasciatelo agire per 20-30 minuti e poi sciacquate e procedete con lo shampoo.

Questo impacco è ottimo per chi ha i capelli piatti, spenti e secchi, perché il latte in polvere è ricco di proteine, vitamine e sali minerali.


lunedì 12 marzo 2012

Shampoo a secco

Image and video hosting by TinyPic 

Sarà capitato a tutti di dover uscire ma non aver voglia o tempo di farsi uno shampoo, allora per far sembrare i nostri capelli “puliti” possiamo optare per:
  • una bella coda o uno chignon
  • una spruzzata di acqua e sale sulla cute (asciugandosi dopo i capelli con il phon)
  • uno shampoo secco (personalmente non ne ho mai acquistati perché son costosi e comunque non lavano veramente i capelli)
  • una spolverata di borotalco sulla cute (bisogna applicarlo a testa in giù, lasciarlo agire per qualche minuto e poi rimuoverlo aiutandosi con un asciugamano sfregando per bene ed infine spazzolando i capelli; non esagerate con la dose di borotalco altrimenti vi ritroverete la testa tutta bianca, l’odore di borotalco si sentirà troppo e sarà faticoso rimuoverlo, in più otterrete l’effetto contrario, ossia si risporcheranno a furia di toccarli; potete poi utilizzare anche il phon per metterli un po’ in piega).
  • al posto del borotalco va benissimo la farina di riso o l'amido di mais

Ogni tanto possiamo si mascherare l’untuosità dei capelli… questi rimedi funzionano ma non son miracolosi e l’effetto non dura nemmeno un’intera giornata…
I capelli puliti son sempre capelli puliti, si nota eccome la differenza! :)

Lo sapevi che? E' vero che il borotalco rimuove il sebo in eccesso, ma rende anche i capelli opachi.

domenica 15 gennaio 2012

Quante volte bisogna lavare i capelli?

Image and video hosting by TinyPic 

Non c’è una regola precisa; dipende molto dal tipo di capelli (secchi, grassi, cute grassa/punte secche, normali, ecc.) e dallo stile di vita che si conduce (sport, lavoro, ambiente, ecc.), ma una cosa è certa: non fa bene lavarli ogni giorno, perché i capelli col tempo tendono a sciuparsi e diventano sempre più spenti; per questo è importante non stressarli scegliendo i prodotti giusti, poco aggressivi e pesanti, e soprattutto limitare l’uso di lacche, gel, ecc. che sporcano ulteriormente i capelli.
In generale chi ha i capelli grassi può lavarli ogni 2-3 giorni, chi invece li ha secchi al massimo 2 volte a settimana.
Conosco delle donne che hanno i capelli talmente secchi e spessi, che sentono il bisogno di lavarli SOLO 2-3 volte al mese, a me non mi pare possibile... da una parte le invidio, dall'altra al posto loro li laverei comunque una volta alla settimana... :)


martedì 3 gennaio 2012

Come utilizzare la piastra per capelli?

Image and video hosting by TinyPic

Ci sono persone che non possono fare a meno della piastra per capelli, io stessa ammetto che vorrei poterla utilizzare ogni giorno, ma sono del parere che danneggia seriamente i capelli poiché li stiamo trattando con un’altissima temperatura, quindi preferisco limitarmi ad un paio di volte al mese, quando ne ho veramente bisogno.

Ad ogni modo volevo darvi alcuni consigli su come utilizzarla nel modo corretto:

Innanzitutto i capelli devono essere puliti, ben pettinati (in modo da rendere più semplice la stiratura ed evitare che si spezzino) e soprattutto devono essere perfettamente asciutti (è sbagliato lasciarli umidi perché si creerebbe uno sbalzo termico eccessivo, l’acqua evaporerebbe troppo velocemente ed i capelli si disidraterebbero e diventerebbero aridi, secchi o peggio ancora bruciati).
Stirate piccole ciocche alla volta aiutandovi con un pettine, in modo da garantire una maggiore tenuta della piega (ci vuole tanta pazienza, lo so!), ma soprattutto passate velocemente la piastra sui capelli, senza insistere troppo.
Oggi vendono degli spray termo protettivi, la cui efficacia è tutta da dimostrare; ne ho provati 2 o 3 e nessuno per ora mi ha soddisfatta, a parte quello acquistato dalla mia parrucchiera (a breve inserirò una recensione sull’altro mio blog e metterò qui il link).
Vi suggerisco infine di buttare le vecchie grandi piastre in metallo ed optare per quelle piccole in ceramica che stanno pubblicizzando da un po’ di tempo, io ad esempio ho comprato circa un anno fa questa (Cloud Nine):

Image and video hosting by TinyPic

Se applicate la lacca o qualche altro prodotto sui capelli (per abboccolarli ad esempio), è fondamentale poi pulire le placche della piastra (una volta raffreddata): basterà passare su di esse un panno morbido inumidito con un po’ di alcool facendo attenzione a non rovinare la plastica esterna, e poi farla riscaldare un attimino per far evaporare i residui.


Lo sapevi che? La temperatura della piastra non deve superare i 200 gradi (per i capelli sottili 140).


sabato 22 ottobre 2011

Scegli le spazzole giuste per te!


-         per sistemare i capelli quotidianamente usa una spazzola ovale con setole naturali 
Image and video hosting by TinyPic

-         per districare i capelli umidi potete utilizzare una spazzola larga o meglio ancora utilizzare un pettine in legno a denti larghi e lunghi (ideale quest’ultimo non solo per sciogliere bene i nodi, ma anche quando si vuole applicare per bene il balsamo o la maschera per capelli)

Image and video hosting by TinyPic
  
-         per stirare i capelli usa una spazzola tonda (ma per chi ha i capelli lisci o leggermente mossi va bene anche la spazzola larga piatta)

Image and video hosting by TinyPic
 
-         per arricciare i capelli una spazzola tonda grande o piccola a seconda se li volete ricci ricci oppure abboccolati
Image and video hosting by TinyPic


Lo sapevi che? E’ meglio acquistare spazzole e pettini in legno o comunque che hanno setole naturali, poiché i pettini in plastica elettrizzano i capelli e li spezzano, e quelli in metallo stressano il cuoio capelluto.

Sito dove poterli acquistare? TEK 



martedì 20 settembre 2011

Come sistemare i capelli sul cuscino prima di dormire?

Image and video hosting by TinyPic 

In realtà la cosa migliore sarebbe lasciare i capelli sciolti perché legandoli correte il rischio di spezzarli e stressarli, ma comunque se volete mantenere la piega basta utilizzare degli elastici morbidi in spugna che non danno problemi, l’importante è non stringere troppo altrimenti la piega prenderà ovviamente la forma della coda.
Quindi se avete i capelli ricci o mossi l’ideale è fare una bella treccia.
Se invece li avete lisci prima spazzolateli per bene in modo da eliminare i nodi, dividete i capelli in due parti, create quindi due code basse e laterali posizionando gli elastici verso le punte (va bene anche una coda sola comunque!), poi adagiatele sul cuscino e fate in modo di non dormirci sopra.

giovedì 15 settembre 2011

Impacco per capelli con olio e miele

Image and video hosting by TinyPic 


Oltre al miele, noto per le sue proprietà emollienti, idratanti e seboregolatrici, ci servirà l’olio extravergine di oliva, che grazie alle sue proprietà nutrienti renderà i nostri capelli morbidi, setosi e lucidi.

Innanzitutto mescoliamo per bene 4-5 cucchiai di miele con 2-3 cucchiai di olio di oliva in modo da avere un liquido omogeneo; regolatevi voi con le quantità, che dipendono sempre dalla lunghezza dei vostri capelli, e non esagerate né con l’uno né con l’altro ingrediente (io ad esempio la prima volta ho esagerato con l’olio :D) Applichiamo il composto soprattutto sulle lunghezze e teniamo in posa per circa 30 minuti (magari avvolgendo i capelli nella pellicola oppure utilizzando una cuffietta); dopodiché procediamo con il lavaggio abituale.

Consiglio: se avete i capelli grassi applicatelo SOLO sulle lunghezze, sennò il giorno dopo vi tocca rilavarli ;)



mercoledì 14 settembre 2011

Tutti i nodi vengono al pettine!

Image and video hosting by TinyPic 

Ultimamente ho i capelli davvero lunghi, il che non è male, li adoro! Ma ho notato che ho il triplo dei nodi purtroppo, e non mi aiuta il fatto di avere i capelli ondulati, poi dalle mie parti c’è costantemente vento ed anche l’acqua del mare ha contribuito a “seccarmeli”, che tragedia!!!
Allora se come me avete lo stesso problema vediamo insieme come risolverlo:
ok vogliamo eliminare i nodi ma SENZA spezzare i nostri capelli, quindi quando li laviamo oltre ovviamente allo shampoo ed al balsamo (magari quelli specifici per i nodi, se ne conoscete e vi trovate bene fatemelo sapere!) , almeno una volta alla settimana dobbiamo applicare una maschera e lasciarla agire per qualche minuto; una volta sciacquati per bene la cosa migliore sarebbe tamponarli e lasciare che si asciughino naturalmente, ma a me quasi sempre mi prende il raffreddore o il torcicollo, oppure non ho tempo quindi devo per forza utilizzare il phon a temperatura media (a meno che non debba stirarli!); mentre li asciughiamo possiamo cominciare a pettinarli con le dita e poi con un pettine (meglio se in legno) a denti larghi e per facilitare l’operazione possiamo spruzzare un po’ di balsamo spray districante senza risciacquo; i nodi pian piano si scioglieranno, basta fare piccoli movimenti e partire dai nodi vicini alle punte fino a salire verso quelli della radice; quelli più grandi hanno bisogno di essere prima massaggiati e sciolti molto lentamente e con molta più cura. Basta solo avere pazienza!!!

domenica 14 agosto 2011

Come usare correttamente il balsamo

Image and video hosting by TinyPic 

Il balsamo è fondamentale per la cura dei nostri capelli poiché li rende più morbidi e idratati, li protegge dalle aggressioni esterne quali ad esempio il calore del phon, lo smog, il vento, il sole, previene la formazione di doppie punte, ci aiuta a sciogliere i nodi e quindi li rende facilmente pettinabili.

Il solo lavaggio con lo shampoo non basta, quindi dopo questo step bisogna applicare il balsamo (la quantità varia a seconda della lunghezza dei vostri capelli, ma non esagerate!), distribuirlo per bene con un pettine a denti larghi e lasciarlo agire per 2-3 minuti (non serve di più), poi ovviamente bisogna risciacquare abbondantemente per lavarne via ogni traccia, meglio se con acqua fredda.

Consiglio: se avete i capelli troppo sottili come i miei evitate di applicarlo sulle radici altrimenti rischiate di appesantirli troppo.

Ma quale scegliere? Sul mercato ce ne sono davvero tanti e personalmente li ho provati quasi tutti (ultimamente ci sono anche quelli in formato spray senza risciacquo, pratici e veloci da usare), e quello che posso dirvi è di essere sincere con voi stesse: è inutile comprare un balsamo o qualsiasi altro prodotto per capelli lisci se li avete ondulati come i miei nella speranza che possano per miracolo diventare come li vorreste (lisci nel mio caso)! Scegliete quindi in primis quello giusto per il vostro tipo di capelli e poi cercate sempre di cambiarlo e non fossilizzarvi sempre su un prodotto perché come la nostra dieta mediterranea ci impone di variare con gli alimenti così anche la nostra pelle ed i nostri capelli ogni tanto hanno bisogno di “qualcosa di nuovo”! Inoltre vi dico che è abbastanza inutile andare alla ricerca delle marche più importanti, peggio ancora seguendo le pubblicità: se un prodotto costa molto non significa per forza che è buono! Volete un esempio? I prodotti della Pantene per quanto mi riguarda sono tremendi, super aggressivi e pieni di siliconi, a me facevano venire addirittura la forfora, e non vi dico il prurito!!! Li ho usati per anni senza capire il danno che stavo facendo ai miei capelli: ora ci ho messo una bella X sopra!

Altra cosa importante: diffidate dagli shampoo e balsamo 2 in 1, è importante utilizzare 1 shampoo ed 1 balsamo ben separati tra loro perchè svolgono due azioni differenti: lo shampoo toglie il sebo e lava per bene la nostra cute, il balsamo invece svolge un’azione normalizzante e restituiva del grasso naturale (giusto quello che ci serve per togliere l’elettricità dai capelli e renderli brillanti).



giovedì 26 maggio 2011

Come eliminare l’elettricità dei capelli

Image and video hosting by TinyPic 

Innanzitutto perché si elettrizzano i nostri capelli? La causa potrebbe essere il modo in cui si pettinano (troppo velocemente), il cambiamento di temperatura (soprattutto in inverno quando fa freddo e l’aria è molto secca), i componenti troppo aggressivi dello shampoo e degli altri prodotti per capelli che utilizzate, se li lavate troppo frequentemente, oppure se indossiamo un maglione o una sciarpa di lana!

Per eliminare l’elettricità statica ecco cosa si può fare: 

  • quando fate lo shampoo, l’ultimo risciacquo deve essere fatto con acqua fredda; 

  • asciugate delicatamente i capelli senza strofinarli troppo con l’asciugamano (ma sempre tamponando!);

  • comprate una spazzola con setole naturali (e non di metallo);  

  • spruzzate un po’ di lacca sulla spazzola e successivamente pettinateli oppure optate per il gel (senza esagerare!)

     

lunedì 21 marzo 2011

Come far crescere più rapidamente i nostri capelli?

Image and video hosting by TinyPic 



E’ davvero possibile? In genere, è difficile raggiungere una crescita esagerata senza ricorrere alle extension! Tuttavia, possiamo raggiungere un risultato visibile prendendoci cura dei nostri capelli e ricorrendo ad alcune astuzie!
I capelli hanno una durata di vita limitata. Nel corso dell’esistenza si rinnovano continuamente, proprio come i peli.  
Ecco il ciclo di vita di un capello:

Image and video hosting by TinyPic
  • La FASE ANAGEN (di crescita) ha una durata variabile dai 2 ai 7 anni con grandi differenze tra uomo e donna (nell’uomo arriva ai 4 anni, nella donna fino ai 7). Nei follicoli, le cellule agiscono per formare progressivamente il capello che cresce di circa 1 cm al mese nell’uomo e di 1 cm e mezzo nella donna. La crescita dei capelli è variabile da soggetto a soggetto.
  • La FASE CATAGEN (di riposo) è determinata dal progressivo arresto delle funzioni attive del pelo e ha una durata media di due settimane, il bulbo risale fino alla superficie cutanea e si prepara alla fase successiva.
  • La FASE TELOGEN (di caduta) dura in genere 3-4 mesi. In questo lasso di tempo il capello cade perché il bulbo ha sospeso da tempo l’attività di crescita. Successivamente il follicolo entra nuovamente in fase Anagen.

E allora per chi ama avere i capelli lunghi ecco alcuni consigli:

- Scegli uno shampoo adatto al tuo tipo di capelli e alternalo con un altro delicato (diffida dagli shampoo miracolosi)
- Mescola 5-7 gocce di oli essenziali di rosmarino allo shampoo delicato per rafforzare i capelli e stimolare la loro crescita; in caso di doppie punte, cerca di variare: argan, cocco, mandorla dolce, semi d'uva, oliva, germe di grano, ecc.
- Non limitarti alle maschere nutrienti per le punte secche, per avere dei capelli lunghi e belli dovrai curarli in tutta la loro lunghezza
- Se hai intenzione di cambiar colore allora scegli una tinta naturale
- Assicurati di seguire una giusta alimentazione in modo da assumere vitamine e sali minerali a sufficienza, oppure prendi degli integratori multivitaminici (senza esagerare)
- Prendi l’abitudine di massaggiarti il cuoio capelluto per stimolare la circolazione sanguigna, favorendo quindi la sua ossigenazione
- Non spazzolarli troppo
-  Evita di avvicinare troppo il phon alla testa quando asciughi i capelli e riduci al minimo indispensabile l’uso della piastra, poiché anche se usi spray e oli protettivi, il caldo eccessivo secca e danneggia i capelli e rallenta di molto la crescita
- Non usare troppo spesso accessori come cerchietti, elastici, pinze, fasce, fermagli, e soprattutto sceglili accuratamente per evitare di spezzare e quindi indebolire i capelli, stessa cosa per i cappelli, cuffie, berretti
-  Conosci la leggenda della luna piena? è il classico rimedio della nonna più conosciuto: se ti tagli i capelli nei giorni di luna piena, poi ricresceranno due volte più velocemente
- Taglia le doppie punte regolarmente (è uno step fondamentale per farli crescere sani e belli).

domenica 16 gennaio 2011

Come pulire spazzole e pettini

Image and video hosting by TinyPic

Spazzole, pettini e bigodini li usiamo quotidianamente e spesso ci troviamo a pulirli semplicemente tirando via i capelli. Questi però vanno puliti a fondo per garantire igiene alla nostra cute ed ai nostri capelli, perché ogni volta che ci pettiniamo si depositano su di essi forfora, grasso e sporco in generale. Non avendo a disposizione uno sterilizzatore, ecco cosa possiamo fare: innanzitutto togliamo i capelli rimasti fra i dentini; riempite di acqua calda una bacinella e mettete in ammollo tutto; aggiungete un po’ di bagnoschiuma (o shampoo) neutro o alla frutta, come preferite; aggiungete un cucchiaino di bicarbonato di sodio; lasciate in ammollo per 1 ora circa; sciacquate tutto sotto l’acqua calda del rubinetto e asciugateli con un telo pulito (se si tratta di spazzole in legno, mettetele ad asciugare al sole).

Un altro semplice ma efficace metodo per la pulizia di spazzole e pettini è lasciarli immersi in una soluzione di acqua tiepida ed ammoniaca (magari profumata).

Oppure ancora: immergeteli in una bacinella d'acqua tiepida in cui avrete aggiunto 3 cucchiai di bicarbonato e 3 cucchiai di candeggina; agitate l'acqua per qualche minuto, sciacquate e lasciate asciugare all'aria.

martedì 9 novembre 2010

Coccole ai capelli


Oggi il modo di fare lo shampoo è cambiato; questi 10 minuti che servono a detergere la nostra chioma si trasformano in momenti di puro relax che donano lucentezza e vitalità, bellezza e salute ai nostri capelli. Ricevere un massaggio (in questo caso da un parrucchiere) è divino, ma possiamo benissimo farcela da soli, magari sotto la doccia.

Ecco alcuni consigli per coccolare i nostri capelli (col massaggio Ayurveda):

-         nutrili con cibi ricchi di vitamina B, C, zinco e ferro (cereali, agrumi, ecc);
-         usa uno shampoo adatto alle tue esigenze e con essenze profumate (naturali, esotiche o golose);
-         separa i  capelli in diversi ciuffetti, prendili uno ad uno dalla parte della radice e tirali leggermente;
-         tenendo le dita sulle orecchie e i polsi alle tempie, massaggiali facendo una leggera pressione sulle tempie, poi rilascia lentamente e muovi le mani dai lati verso la parte alta della testa (ripeti più volte);
-         con il pollice e con la punta delle dita fai dei piccoli movimenti circolari sul cuoio capelluto, soffermandoti maggiormente alla base del cranio e dietro le orecchie, che sono i punti dove si accumula più tensione; tutto ciò favorisce la circolazione che aumenterà il nutrimento e di conseguenza la qualità del capello (per il massaggio è consigliabile usare l’olio di cocco, ma anche l’olio di mandorle dolci e quello d’oliva vanno benissimo);
-         asciugali tamponando e non strofinando, e pettinali con delicatezza in modo da non tirarli o spezzarli.




venerdì 22 ottobre 2010

Rimedi per la caduta dei capelli

Image and video hosting by TinyPic

Innanzitutto è importante sapere che il capello viene suddiviso in 3 parti differenti:
  1. il fusto (o stelo), che è la parte visibile, esterna alla cute
  2. la radice, che è immersa nella cute e collegata al muscolo erettore
  3. il bulbo, che è la parte più profonda, in cui son presenti le cellule germinative.
Il capello, insieme alla ghiandola sebacea ed al muscolo erettore, costituisce il follicolo pilifero.

Ogni capello ha un suo ciclo di vita: 
  • fase di crescita (fase anagen - dalla durata dai 3 ai 6 anni)
  • fase involutiva (fase catagen - dalla durata di 3 settimane circa), in cui la crescita viene interrotta
  • fase di riposo e caduta (fase telogen - dalla durata di 2-3 mesi), in cui il capello cade e viene sostituito da un altro capello in crescita. 
Image and video hosting by TinyPic  


I capelli non si trovano mai tutti nella stessa fase, ma crescono in maniera differente e con ritmi diversi.
Perciò, la perdita di capelli è una cosa normale, fisiologica.
In condizioni di normalità possono cadere in media dai 30 ai 100 capelli al giorno e questo accade soprattutto in autunno, quando è normale perdere più capelli  rispetto alle altre stagioni, questo perché c'è un maggior indebolimento dovuto ai cambiamenti climatici e all'aggessione estiva dei raggi solari; infatti è ben noto che il sole è il principale responsabile dell'invecchiamento sia della pelle che dei capelli. La perdita di capelli è molto comune anche in primavera, quindi in generale nel passaggio tra una stagione e l'altra.
Ma la caduta dei capelli può anche essere causata:
  • da un fattore ereditario/predisposizione genetica,
  • dallo stress
  • dall’iperattività
  • da un'alimentzione inadeguata e/o una dieta drastica che riduce drasticamente l'apporto di sostanze nutritive,  
  • dall’assunzione di alcuni farmaci
  • da squilibri ormonali (nelle donne) durante la gravidanza ed il parto,
  • da lavaggi frequenti con shampoo aggressivi e non adatti al nostro tipo di capello, 
  • da trattamenti coloranti e decoloranti, e comunque dall'uso frequente di prodotti aggressivi e sintetici che soffocano il capello,
  • dal modo in cui i capelli vengono spazzolati (siate il più delicati possibile!),
  • dal fumo,
  • e tanto altro (le cause dipendono molto da soggetto a soggetto, dalla densità dei capelli, dallo stile di vita, da fattori ambientali, ecc.).

Questo problema è assolutamente più comune negli uomini, che ne perdono di più delle donne.
La prima cosa da fare è non allarmarsi ed ovviamente consultare uno specialista , se è davvero il caso… altrimenti potete sia acquistare degli integratori (vi consiglio le bioscalin che in questo periodo vengono pubblicizzate molto), sia acquistare una linea di prodotti per capelli ad azione rinforzante, e sia applicare delle fiale o lozioni che migliorano la capacità riproduttiva delle cellule della matrice del capello, che lo rafforzano; massaggiate i capelli mentre li lavate esercitando una lieve pressione con le dita per riattivare il microcircolo e, se li avete troppo grassi, lavateli spesso (è vero che troppi lavaggi seccano i capelli, ma non ne incentivano la caduta; basta non lavarli tutti i giorni ecco); pettinateli delicatamente e non saltate mai questo step perché è meglio che cada qualche capello in più pettinandosi tutti i giorni che perderne ancora di più a causa dei nodi dei giorni precedenti!
E tagliarli può servire a rinforzarli? No, questa è solo una falsa credenza; certo migliora l’aspetto estetico della nostra chioma, ma chi vuole i capelli sempre lunghi (come me!!!) non deve assolutamente privarsene. Certo i capelli più sono lunghi e più sono pesanti, quindi "alleggerirli" anche di poco (magari anche scalandoli) potrebbe essere un valido rimedio!